Che cos'e' una Porta di Dominio

Versione stampabile

La Porta di Dominio consente a ciascuna PA che espone i propri servizi ad altre PA di comunicare facilmente con loro condividendo e adottando gli stessi protocolli (dove "protocolli" è usato in senso lato).

Ogni ente è in grado di fungere sia da fornitore sia da consumatore di un dato servizio. È quindi facile comprendere che la PDD è un componente a due facce: quella esterna deve aderire ad un set di standard per consentire l'interoperabilità con le PDD di altre PA, mentre quella interna è dipendente dalle risorse interne dell'ente.

La "Cooperazione Applicativa" (la logica che abilita applicazioni e infrastrutture diverse ad interagire) prevede che ogni Porta di Dominio sia logicamente suddivisa in una componente di Cooperazione ed una di Integrazione: la prima, rivolta verso l'esterno della PDD, è incaricata delle comunicazioni fra Porte di Dominio, mentre la seconda interagisce con la logica e l'architettura dell'infrastruttura che deve servire.

A seconda che una data PDD svolga il ruolo di fornitore o di consumatore è chiamata, rispettivamente Porta Applicativa o Porta Delegata.

Le comunicazioni avvengono sempre fra Porte Delegate e Porte Applicative.