Parliamo di TASI

Versione stampabile
La TASI, in vigore dal 01 gennaio 2014, è la componente della IUC diretta a coprire i costi dei servizi indivisibili come, ad esempio, l’illuminazione pubblica, la manutenzione delle strade, la manutenzione del verde pubblico, ecc.
Clicca qui per calcolare la tua TASI
sulla base dei dati presenti
nelle banche dati catastali del Comune
Browser supportato Google Chrome
Tributi Online
 
Chi deve pagare la TASI?
La TASI deve essere pagata dal proprietario, usufruttuario e dal titolare di altri diritti reali sugli immobili e dai relativi detentori o occupanti. Per gli immobili dove il soggetto detentore o occupante sia diverso dal soggetto proprietario, la TASI deve essere versata per una quota da un soggetto e per la restante parte dall’altro soggetto. Le percentuali a carico di ciascun soggetto sono decise dal Comune all’interno del regolamento IUC.
Su quali immobili si paga la TASI?
A partire dal 2016 è esclusa dal pagamento della TASI l’abitazione principale (purchè non di categoria A/1-A/8-A/9) e le sue pertinenze. Continua ad applicarsi su tutte le altre unità immobiliari comprese le aree edificabili. L’immobile destinato ad abitazione principale dell’occupante, è esclusa anch’esso dal pagamento della TASI per la sola quota in capo al locatario mentre per il locatore continua ad essere assoggettato.
Ogni singolo Comune può decidere le aliquote da applicare ad ogni tipologia fino all’azzeramento dell’aliquota.
 
Come si calcola la TASI?
La TASI si calcola sul medesimo valore imponibile valido ai fini IMU e che viene calcolato partendo dalla rendita catastale rivalutata del 5% e moltiplicata per il coefficiente utilizzato per l’IMU in base alla sua categoria catastale:
Categoria Catastale
Coefficiente
Gruppo catastale A (esclusa A/10)
160
A/10
80
Gruppo catastale B
140
C/01
55
C/02-C/06-C/07
160
C/03-C/04-C/05
140
Gruppo catastale D (esclusa D/05)
65
D/05
80
 
Per le aree edificabili il valore coincide con il valore venale in comune commercio al 01 gennaio dell’anno d’imposizione;
Alla base imponibile così determinata deve essere applicare l’aliquota di riferimento deliberata da ogni singolo Comune; cliccando sul link seguente sarà possibile scaricare le delibere e i regolamenti dei vari comuni.
 
I versamenti
I versamenti dell’imposta devono essere effettuati con arrotondamento all’euro per difetto se la frazione decimale è inferiore a 49 centesimi, ovvero per eccesso se superiore a detto importo.
 La TASI dovrà essere pagata mediante apposito modello F24 alle seguenti scadenze:
 Per i Comuni che hanno già deliberato le aliquote da applicare
·       Acconto da versare dal 1° al 16 giugno
·       Saldo da versare dal 1° al 16 dicembre
Nel modello F24 si dovranno indicare i seguenti codici tributo:
Descrizione
Codice tributo
TASI-Comune
Abitazione principale e relative pertinenze
3958
Aree fabbricabili
3960
Altri fabbricati (esclusa cat. D)
3961
Altri fabbricati cat. D
3961
Fabbricati rurali ad uso strumentale
3959